Intervista allo staff del blog ViviComics!

 ViviComics ha un blog adesso. Un blog per condividere esperienze, luoghi, viaggi.

 

Anche questo, infondo, è l’inizio di un viaggio che corre in parallelo con il viaggio reale: quello che permette di girare l’Italia delle convention fumettistiche con appassionati; un viaggio che non sarebbe possibile senza loro, i timonieri, lo staff CreativiViaggi che rende tutto possibile, magico.

 

Iniziamo dunque il nostro viaggio attraverso delle semplici domande a loro: scopriamo insieme il mondo ViviComics!

 

Innanzitutto, perché avete deciso di creare un’intera sezione della vostra agenzia dedicata ai viaggi per le fiere del fumetto e alle destinazioni della cultura nerd/otaku in generale?

 

Risponde Arturo – Team ViviComics

Quando abbiamo aperto l’agenzia, organizzavamo svariati tipi di viaggi con lo scopo della socializzazione e del viaggio. Nel 2009 ci hanno proposto di organizzare il primo viaggio per il Lucca Comics & Games e, sono sincero, prima di allora non immaginavo che si potesse incontrare questo mondo meraviglioso della cultura nerd/otaku. Un mondo fatto di passione e dedizione. Abbiamo organizzato per altri tre anni solo il viaggio di Lucca. Ho appreso tanto da questo mondo e ho capito che tutto ciò necessitava da parte nostra di una maggior attenzione, creando un progetto vero e proprio. La nostra agenzia è composta da persone che da sempre si sono dedicate ad altre persone. Veniamo dal mondo associazionistico e del volontariato: non vedo questo asset dell’agenzia solo come una sezione dedicata ai viaggi, ma è un progetto più ampio fatto di persone e che include anche il viaggio.

 

Qual è la vostra idea di viaggio di gruppo?

Risponde Elena – Team ViviComics

Il viaggio di gruppo è:

condivisione delle passioni e socialità

organizzazione per consentire una buona fruizione dell’evento

– avere l’accompagnatore di riferimento… qualificato

– beneficiare del giusto rapporto qualità/prezzo

Nei viaggi di gruppo l’empatia è tutto. Creare gruppo ed entrare in sintonia con i ragazzi e gli adulti che partecipano ai nostri viaggi è fondamentale.

Creiamo rapporto coi partecipanti e puntiamo tanto sulla socialità. Molti di loro nel tempo sono diventati cari compagni di viaggio ed amici, altri fanno già parte del team ViviComics. La parte più bella e magica del viaggio, che ci motiva a lavorare sempre meglio nell’ambito dell’organizzazione di viaggi di gruppo, è il desiderio di condividere e scoprire insieme il mondo delle proprie passioni.

I viaggi di gruppo regalano forti emozioni e condivise creano legami ed amicizie profonde, un sentimento di appartenenza oggigiorno molto raro. Il gruppo che si forma “in viaggio” è una piccola community che sperimenta al suo interno rispetto, attenzione, aiuto reciproco e simpatia. E’ un vero e proprio rito che ci prepara così nel migliore dei modi a momenti di condivisione positiva, durante e dopo la partecipazione all’evento.

Vediamo nascere amicizie, amori, collaborazioni lavorative… Durante il viaggio viviamo emozioni ed esperienze che rimangono impressi nei ricordi e nel cuore, perchè sono sempre le relazioni a “fare la differenza“, a volte molto più della stessa meta del viaggio.

L’obiettivo del viaggio? Aprirci all’altro, mettere al centro la persona, apprezzarne la diversità nel confronto e nella condivisione di interessi e passioni.

Poi non mancano l’educazione e la cultura al viaggio, cioè riscoprire noi stessi nel meraviglioso incontro con l’altro. Questa è la nostra strada perché il tesoro più grande che abbiamo è la soddisfazione di chi viaggia con noi e ci rinnova la propria fiducia o che ritroviamo nel semplice e potente passaparola.

 

Come decidete le destinazioni? Ci sono destinazioni che entrano o escono dal vostro programma?

Risponde Alessandra – Team ViviComics

Le destinazioni sono accresciute nel tempo partendo dalle tappe più note e frequentate dagli appassionati: la prima infatti è stata proprio la fiera più grande d’Europa ovvero il Lucca Comics & Games; a seguire le fiere regionali più grandi quali il Romics e il Comicon. Con il tempo abbiamo aggiunto nel nostro carnet di offerte, fiere che ci hanno consigliato o richiesto, partecipando in prima persona alle manifestazioni suddette. E’ il caso per esempio dell’Etna Comics: erano anni che pensavamo di proporlo, poi lo scorso anno con un gruppo di avventurieri siamo partiti… e abbiamo scoperto una fiera straordinaria, ben organizzata e con un’offerta adatta agli appassionati più esigenti!

Ci sono anche destinazioni che escono dalla programmazione quando non riscontrano più un interesse tale da poterle proporre come viaggio di gruppo; in questi casi offriamo un viaggio special per dare a tutti la possibilità di raggiungere la fiera preferita.

Nel nuovo sito abbiamo anche destinazioni diversificate dove non ci sono manifestazioni, ma set cinematografici a tema: il tour dei set del Signore degli Anelli in Nuova Zelanda oppure quello sulle location di Star Wars…  giusto per non farsi mancare nulla!

 

Quanto contano, per voi, la relazione con i vostri viaggiatori, la condivisione del viaggio, la critica e le richieste specifiche che ognuno di loro può avere?

Ale ViviComicsRisponde Alessandra – Team ViviComics

La relazione è alla base del nostro modo di viaggiare, l’essere in compagnia è il tratto connotativo. La presenza dell’accompagnatore nella maggior parte delle proposte serve come collante del gruppo e come punto di riferimento per tutti i viaggiatori: in questo modo anche chi parte solo, non lo sarà effettivamente.

Rispondono Anna e Luigi – Team ViviComics

La relazione e la condivisione sono le fondamenta del progetto, senza di esse risulterebbe il tutto troppo “asettico” e poco umano. Senza la relazione e la condivisione… non saremmo noi! I nostri sarebbero viaggi simili a tanti altri… E il valore dei viaggi ViviComics è invece dimostrato, oltre che dalle recensioni, dai feedback a lungo termine: non solo le persone tornano, spesso e volentieri accompagnate da qualcuno a cui hanno consigliato ViviComics, ma si creano rapporti umani che rendono, quella offerta da noi, un’esperienza unica.

Non sarebbe un bel ricordo per il viaggiatore un viaggio in cui è lasciato a se stesso!

Risponde Cosimo – Team ViviComics

E’ ciò che rende Vivicomics quello che è. Fare l’accompagnatore nei viaggi non mi ha portato solo a visitare le fiere più importanti in Italia: mi ha soprattutto portato a conoscere un sacco di appassionati come me, con alcuni è nata anche una bella amicizia.

Condividere è una parte cruciale del nostro modo di intendere il viaggio di gruppo: senza saremmo solo degli organizzatori di tour, l’obiettivo di ViviComics è ben diverso.

Le critiche e le richieste assurde ben vengano, purchè costruttive e che aiutino a migliorare la godibilità del nostro servizio.

 

Come coinvolgete gli appassionati di cultura nerd nel progetto ViviComics?

 

Risponde Anna – Team ViviComics

Nell’epoca dei social che a volte invadono ogni spazio umano, siamo riusciti a trovare un valido equilibrio: condividiamo le esperienze prima e dopo gli eventi, cosa fondamentale per tenersi al passo, e coinvolgiamo le persone negli eventi veri e propri… Le attività insieme, i consigli sui viaggi in questione e, in generale, un accompagnamento sempre personale e mai meccanico, attento alle esigenze particolari degli appassionati di cultura nerd, rende l’esperienza la migliore possibile per tutti.

 

Qual è il vostro rapporto con i social?

 

Risponde Cosimo – Team ViviComics

I social sono una parte integrante del nostro rapporto con i ragazzi. Grazie alla pagina Facebook ViviComics.com possiamo promuovere al meglio i nostri viaggi e far conoscere la nostra realtà anche a chi non ha mai viaggiato con noi.

Abbiamo anche un gruppo Facebook – ViviComics riservato ed esclusivo per i viaggiatori, dove poter scambiare ricordi dei viaggi e condividere le proprie emozioni, oltre che le proprie passioni.

Per questo il nostro motto è un hashtag #ViviViaggiaCondividi

 

Ci sono difficoltà nell’affrontare questo particolare percorso?

 

Risponde Elena – Team ViviComics

Non si può toccare l’alba se non si sono percorsi i sentieri della notte – Khalil Gibran.

Le difficoltà che incontriamo e che abbiamo superato ci piace considerarle sfide che ci spingono a fare e dare sempre il meglio di noi.

Le principali sono:

– l’abusivismo – Influencer, blogger e abusivi in genere che nel loro “piccolo” mondo o tra gli amici si spacciano come appassionati o associazioni di viaggi senza scopo di lucro, che invece di organizzare e vendere viaggi e vacanze da arresto, dovrebbero continuare a fare il proprio lavoro: quello per cui sono abilitati a fare; (link articolo di approfondimento)

– la disinformazione e la cattiva informazione – Che dilagano sui social e nella vita reale espandendosi a macchia d’olio tra viaggiatori-consumatori e chi i danni della cattiva informazione li subisce;

– la sfiducia – Alcuni viaggiatori per prassi continuano a seguire i migliori esempi sul mercato: l’amico, il commerciante di turno, le associazioni, il vicino di casa… Tutta gente che, pur facendo tutt’altro nella vita, dichiara che questi viaggi li sta facendo per hobby, per passione o per farti un favore. Di certo abbiamo un problema, le persone si (af)fidano più a loro che alle agenzie di viaggio qualificate. Chiediamoci come mai! 

 

Per quale motivo i viaggiatori scelgono di partecipare ad un viaggio di gruppo organizzato?

 

Risponde Luigi – Team ViviComics

Per me la compagnia durante un viaggio è fondamentale: non riuscirei ad affrontare un viaggio che possa essere di un giorno o due, o anche di più completamente da solo; penso che lo stesso, sicuramente, valga per la maggior parte dei viaggiatori. Qui ha inizio la nostra missione principale, creare un gruppo unito e affiatato, dove si viaggia tra amici. Penso che questo sia uno dei nostri punti forti.

Anche dall’altra parte della barricata è sempre bello trovare nuovi compagni di viaggio con cui condividere esperienze e ricordi.

 

Nel prossimo futuro, quali traguardi vi imponete di raggiungere? A quali destinazioni sognate di accompagnare i vostri viaggiatori?

 

Risponde Alessandra – Team ViviComics

Il progetto Vivicomics in realtà non è finalizzato esclusivamente a mettere a disposizione degli appassionati mezzi e modi per raggiungere le fiere. E’ un progetto ampio che si articola su ben 5 assi uno dei quali è il viaggio! Quindi il primo obiettivo a medio termine di questo primo asse è, oltre ai collegamenti con le principali fiere italiane è quello di creare collegamenti con le principali fiere internazionali. In questo ambito, infatti, abbiamo già stabilito una collaborazione con il Japan Expo di Parigi! Stiamo anche lavorando per stabilire una rete di contatti per una collaborazione con il Comiket di Tokyo e il Comic Con di San Diego.

Il mio sogno personale è quello di poter ripercorrere i luoghi delle grandi saghe fantasy: poter vivere l’esperienza di attraversare in Nuova Zelanda “la Terra di Mezzo” con i personaggi di Tolkien; viaggiare alla scoperta dei luoghi de Il Trono di Spade con un self and drive in Irlanda oppure a Malta…

E per gli altri assi? Li scoprirete solo vivendo….con ViviComics!

Note sull’autore

Grandissimo appassionato di anime, manga e giochi da tavolo, nasce cresce e pasce in Puglia tra le prime edizioni di Dragon Ball e vecchi anime obliati anche dalle tv locali. Marvelliano sfegatato, Nintendaro DOC e boardgamer compulsivo, da anni tenta di condividere il suo sapere con gli amici ottenendo scarsi risultati.