Lezioni di fumetto e prospettive future con Lupiae Comix!

La scorsa settimana avevamo messo in stand-by una bella intervista alla scuola di fumetto Lupiae Comix. Abbiamo parlato della storia e dell’evoluzione di questa bella realtà formativa di Lecce. Oggi riprendiamo da quel punto ed entriamo un po’ più nel dettaglio!

Quanto dura il corso base di Lupiae Comix?

Il corso base dura un biennio. Il primo anno è proprio l’abc del disegno: anatomia, prospettiva, manichino anatomico, panneggio, caratterizzazione dei personaggi e, sul finire dell’anno, grammatica e storia del fumetto. Quest’ultima materia è tenuta da Marco Laggetta, una figura fondamentale per la scuola che ha anche una sua casa editrice locale, la Edizioni Voilier di Maglie, con cui collaboriamo. Mauro Gulma, invece, insegna caratterizzazione dei personaggi, forte della sua esperienza per la casa editrice nazionale Tenuè.

Lupiae Lezioni

Quanto è importante per voi il rapporto con le case editrici?

E’ importante per Lupiae Comix dare l’opportunità ai ragazzi con talento di inserirsi subito in un progetto editoriale. E di collaborazioni importanti con Edizioni Voilier ce ne sono state tante! Non posso esimermi dal nominare quella con Lele Vianello, che ha lavorato con Hugo Pratt.

Quali corsi si svolgono durante il secondo anno?

Nel secondo anno i nostri studenti imparano nello specifico come creare un fumetto. Inchiostrazione, ripasso a china, studio delle luci. Il corso di sceneggiatura che è importantissimo, dove i ragazzi imparano a dare struttura alla storia. Photoshop, con le prime importanti basi per utilizzarlo. Infine la base di colorazione, ormai indispensabili per la presentazione di un progetto completo.

C’è anche la possibilità di proseguire con gli studi?

C’è la possibilità di frequentare un terzo anno, per chi desidera continuare, che aggiunge tutto ciò che riguarda l’uso del digitale. Approfondiamo Photoshop, utilizziamo Google SketchUp per la modellazione 3D, il lavoro su tavoletta grafica, l’impaginazione. E’ un anno più impegnativo rispetto ai precedenti, con più ore. Il digitale simula la realtà. I ragazzi devono prima imparare praticamente, e poi passano a simularlo graficamente.

Quale reputi il focus di Lupiae?

Lupiae Comix è anche un laboratorio, in cui abbiamo creato un bel gruppo di lavoro. Abbiamo realizzato illustrazioni, un corto animato per il museo di Napoleone sull’Isola d’Elba, progetti successivi al diploma. E’ questa la caratteristica principale di Lupiae Comix: quello di essere una comunità che va oltre il semplice corso di studio.

Cosa consigli ai ragazzi che vogliono studiare fumetto?

Domanda interessante. Molti ragazzi il primo giorno di lezioni alla domanda Quale fumetto leggete rispondono che non leggono fumetti. Io la prima cosa che consiglio è quindi la lettura. Il fumetto è molto più vicino al concetto di narrativa che di illustrazione. L’esigenza di un fumettista è proprio quella di raccontare! Per il resto ci pensiamo noi a tirare fuori il meglio dai ragazzi!

Quali sono i progetti futuri di Lupiae Comix?

Dopo aver realizzato il corto su Napoleone il nostro progetto futuro principale è iniziare un corso di animazione. E’ un’idea che pian piano sta germogliando. Nel frattempo portiamo avanti un corso di grafica che sta dando dei buoni risultati. E infine ci sono tutti i sogni che noi docenti portiamo avanti, magari proiettando i nostri ragazzi nel mercato d’Oltralpe, sicuramente il mercato fumettistico europeo più grande!

Note sull’autore

Grandissimo appassionato di anime, manga e giochi da tavolo, nasce cresce e pasce in Puglia tra le prime edizioni di Dragon Ball e vecchi anime obliati anche dalle tv locali. Marvelliano sfegatato, Nintendaro DOC e boardgamer compulsivo, da anni tenta di condividere il suo sapere con gli amici ottenendo scarsi risultati.